martedì 15 aprile 2008

nota elettorale


Chiunque abbia vinto, che governi. Credo che la graduale costruzione di un solido bipolarismo (e di questo dobbiamo ringraziare Veltroni) sia la soluzione giusta per la nostra italietta. Una piccola rivoluzione da queste urne è uscita: ha spazzato via i partitelli vari, i vari ismi del no a tutti i costi, i portabandiera del pacifismo violento, della spesa pubblica totalizzante. Il resto, lo vedremo, comunque sono ottimista: un processo di lento ma inesorabile rinnovamento finalmente si è innescato. Difficile da vedere al momento, forse, ma ineluttabile nel lungo termine.
gmc