martedì 20 gennaio 2009

LA CINA CENSURA INTERNET: OSCURATI 700 SITI

Cina, la purga del web nell'anno degli anniversari

Scritto da: Marco Del Corona alle 15:42
Tags: Cina, dissidenti, Internet
E fanno 700, uno più uno meno. Il regime cinese la scorsa settimana è andato avanti con la sua ripulitura del web, sigillando – è l’annuncio dell’agenzia di Stato Xinhua – altri 244 indirizzi colpevoli di “oscenità” e “volgarità”. Dall’inizio della missione si arriva, appunto, a 700 circa.

SOTTO PRESSIONE L’opera di bonifica di Internet procede indefessa, è ormai opinione comune degli osservatori che si tratti di un’attività che, al di là del suo obiettivo primario, consente di tenere sotto pressione tutta la comunità degli utenti del web. I quali, secondo dati della scorsa settimana, sono ormai quasi 300 milioni. L’anno degli anniversari (60 anni dalla fondazione della Repubblica Popolare, 50 dalla fuga in India del Dalai Lama, 20 dal massacro della Tienanmen) è cominciato così, con una stretta su Internet.

PASSAGGI SEGRETI Nella ripulitura sono cadute anche piattaforme alle quali si appoggiavano blogger non necessariamente “dissidenti”. La La cyberpolizia andrà avanti, la campagna durerà un mese e coinvolge anche i servizi per i telefonini, ma il web è pieno di passaggi segreti, di doppifondi. Sarà un lungo anno.

Pubblicato il 20.01.09 15:42 | Permalink| Commenti(3) | Invia il post